16/06/10

Riassunto E3 2010


Salve, è John Carturro che vi scrive. Il corrispondente dei posti esotici e desolati: come Los Angeles. All'E3 sono stato, a voi ho pensato e questo riassunto vi ho regalato.
In realtà, alla conferenza della Microsoft non ho avuto modo di partecipare: ero impegnato a schiacciare lettori come fossero vermi, ho l'apposita licenza assegnatami da BVG. Comunque, basta chiacchiere.

Iniziamo col dire che sia Microsoft, Nintendo e Sony hanno presentato materiale Nintendo; fatta questa precisazione, possiamo passare un resoconto sulle singole conferenze. Dal lato software, i soliti, rituali titoli già visti nelle quattro o cinque edizioni precedenti: Halo qualcosa, Gears of War numero fate voi, Call of Duty ho perso il conto, etc.; il piatto forte, comunque, era costituito dall'ex Project Natal, chiamato "Kinect" nella sua forma definitiva. Apprezzabile la performance del circo "Gennaro Orfei" che, con un prodigioso numero del tutto slegato dall'accrocchio tecnologico in questione, ha fatto rivivere per qualche istante la magia dei domatori, dei funamboli, dei pagliacci che non fanno ridere. Ora, alcuni titoli: sostanzialmente, tutta roba con "Kinect" dentro. Abbiamo un coso tipo "Animalect", copiato dall'Eyepet presente sulla console Sony; nella presentazione live, una bambina accarezza una tigre e, chiaramente, le mani che compaiono a video non seguono assolutamente i movimenti della bambina stessa. Poi ci sono Kinect Sport, Kinect canta e balla, Kinect altro ancora, tutta roba copiata dalla Nintendo. Presente anche un giochino di Star Wars, con un filmato chiaramente registrato: l'omino della dimostrazione tenta chiaramente di copiare quel che succede in video, ma il tutto è palesemente posticcio. Ah, dimenticavo: Kinect permette anche la videoconferenza, una tecnologia assolutamente mai vista prima. Non ci è dato sapere quanto costi l'aggeggio per far sbraitare la gente in spazi angusti con conseguente distruzione di suppellettili e amici/parenti presenti in zona; era saltata fuori la cifra di 150 dollari, ma la Microsoft smentisce. C'è da dire, però, che questa telecamerina sembra funzionare decentemente per navigare tra i menù, anche se ne sarete stanchi dopo alcuni secondi.
Presentata anche una sorta di Xbox slim, con porta aggiuntiva per Kinect, disco da 250 giga, wifi integrato e lettore che riga i dischi se la si sposta durante l'utilizzo.

Passiamo alla Sony. Hanno parlato per 2 ore di innovazione, ripetendo talmente tante volte questo termine che alla fine ci credevano pure loro. Peccato che Wii e relativo controller siano in giro da alcuni anni. Detto questo, cerchiamo di capire cosa è successo. E' entrato un tizio che si atteggiava a comico e ha iniziato il suo monologo, dopo alcune pause a effetto; entrando nel succo, ha spiegato che il Move è il punto di incontro tra casual e hardcore, ma che dovremmo smetterla di fare queste distinzioni... dobbiamo servire un solo re e il nome di questo re è GAAAAAAAMING!!!
Capito? Se agitate qualcosa davanti al tv e questo qualcosa è bianco e collegato a una console Nintendo, siete casual; se questo aggeggio è nero e collegato a una PS3, state servendo un re che si chiama Gaming. Fantastica la reazione del pubblico ai prezzi di Wiimote e Nunch... ehm, di Move: compare una schermata del gelatone nero con la pallina luminosa, 49,99 dollari.... WOOOOOO! Subito dopo, schermata dell'altra parte del controller e sono 29,99 dollari aggiuntivi: piomba su tutto una cappa di silenzio, quella gente non parlerà mai più. Presentati poi due bundle: il primo, costituito da Move + GiococopiatodalWii a 99 dollari (ma c'è solo il gelatone allegato, quindi servirebbero comunque altri 30 sesterzi scarsi; poi, PS3+Move+GiococopiatodalWii a 399 dollari. La gente, comunque, aveva già perso la possibilità di esprimersi alcuni secondi prima. L'evento è arricchito da alcune dimostrazioni in cui si nota la latenza del controller e null'altro che non sia già stato visto in passato, su altre sponde. Poi, una sfilza di titoli nuovissimi e assolutamente nessun seguito: Final Fantasi XIV, Call of Duty 7, Medal of honor (versione del 2002 con grafica migliore), Twisted Metal (uscito nel '95 su PSX), l'annuncio di GT5 dato in uscita per novembre 2010, il pack esclusivo Dead Space 2 (ovvero Dead Space 2 e Dead Space Extraction preso dal Wii esclusivamente per usare il Move). Altra roba noiosa, nessun annuncio relativo a The Last Guardian. Poi un accenno a Little Big Adventure 2 e Modnation racer. Ah, dimenticavo: l'annuncio di PSN Premium (o Plus, ma il succo è quello: 50 dollari all'anno per contenuti esclusivi e/o altro). Soldi, soldi, soldi e ancora soldi. Si ode la voce metallica di GlaDOS e appare Gabe Newell, snello come al solito: annuncia Portal 2 su PS3 e rivela che sarà la miglior versione esistente su console.

Nintendo. Hanno presentato giochi, questi. Poca roba "casual finchè gira su Nintendo", tra cui spiccano Mario qualcosa mix e Wii party. Sarà rilasciato a Natale per far concorrenza alla tombola. Miyamoto fatica un po' nella presentazione del nuovo Zelda, per problemi coi controlli. Warren Spector, invece di mettersi a fare un nuovo Deus Ex (di quelli buoni), presenta Epic Topodisney copiato dall'anice La Sorgente. Poi un grande ritorno, Donkey Kong Country: fantastica una sequenza del gioco nel tramonto, con le silhouette degli oggetti a video che si stagliano sul sole morente. Poi Kirby's qualcosa: particolarissimo l'aspetto grafico, sembra fatto da stracci ritagliati e cuciti. Tutto questo ci porta al piatto forte dell'E3 2010: il nuovo portatile, il 3DS. Due schermi, dei quali uno wide e 3D (che non richiede occhialini ed è regolabile fino alla disattivazione); giroscopio, sensore di posizione, stick analogico, telecamera frontale con doppio sensore in grado di scattare foto 3D e, soprattutto... una mole alquanto impressionante di titoli annunciati e sviluppatori attualmente al lavoro. Alcuni titoli in ordine sparso: Ocarina of time, Street Fighter 4, Resident Evil, Kid Icarus, Paper Mario, Professor Layton, Ridge Racer, Dead or alive, Ninja gaiden. Sega, Atlus, Capcom, Konami, Square Enix, Bandai Namco, EA, Ubisoft.

Quindi, un solo vincitore per questa edizione; gli altri vendevano la ruota, spacciandola come una loro invenzione.