23/11/09

The grudge - Ju On - Il Rancore.


The Grudge (1):
The grudge (the videogame) è molte cose: un simulatore di torcia elettrica, un tester per la luminosità della vostra TV ed anche un videogioco. Durante il gioco avanzerete con una torcia elettrica (2) in zone sempre più buie dove, per vederci qualcosa aumenterete la luminosità della vostra tv. Cosa dire di questo gioco?

Appagante. Se tu fossi un pappagallo.


Ma the Grudge, è anche poesia, semplicità, elaborazione artistica! avanzare solo con un tasto, nella direzione data da dove orienterete il vostro wiimote effettivamente da un po' l'idea di essere nel film, e poi tutto quel buio...
è così immersivo! E poi gli enigmi! Il fior fiore dell'enigmistica Japponese! Ad ogni porta chiusa, corrisponde sempre una chiave. che è subito dopo la porta chiusa.


Avvincente. Se tu continuassi ad essere un pappagallo.


Voto: per colpa delle nefandezze di Giuda non si danno più voti in danari! Dio bonino, e ora come faccio a dare un voto al gioco? Mi devo ingegnare... anch'io i polli? Posso provare una scala personale Sommo Barabba? Posso? Posso posso posso??? (lo prendo per un Sì) GRAZIE SOMMO BARABBA! (ndBarabba: Puoi, puoi... la prima regola di BVG è che non ci sono regole; la seconda è che una seconda regola sarenne superflua, visto che non ci sono regole)


Voto (3): 1 viaggio di sola andata verso lo scaffale del negozio dove è stato acquistato, 2 biscotti con gocce di cioccolato ed un intero post di lunghezza pari a pagine 2 su un forum di discussione per videogiuochi e videogiuocatori dove si discuterà di come sarebbero state le versioni per le altre  console con un particolare occhio alle nuove periferiche tutte ancora da commercializzare. 


Minkia Mouse


(1) Si, lo so. avevo annunciato una recensione di The Conduit. E' che prima volevo finirlo, ma non mi riesce! Che sia davvero un hardcore game per very hardcore game(r)s? 


(2) The grudge, nel suo aspetto di simulazione di torcia elettrica, rasenta la realtà: addirittura le batterie in dotazione si scaricano con il loro utilizzo, come se fosse una torcia vera! E NON SI RICARICANO TENENDO LA TORCIA SPENTA. NOSSISGNORE. SI SCARICANO E BASTA. Per fortuna all'interno del gioco sarà possibile recuperare una quantità abnorme di pile. Che sia metafora dell'eccessivo consumismo del mondo moderno?


(3) Il voto va letto così. 
- I viaggi di sola andata sono il numero di volte che il prodotto verrà allontanato permanentemente dalla propria postazione videopudica dopo l'acquisto. Il numero può variare da 0 a 1 (o ci va o non ci va) ma le destinazioni possono essere molteplici e a discrezione del recensore. l'importante è che colpisca l'immaginario collettivo. Nel caso lo scaffale sia quello del negozio dove si è acquistato il gioco, il viaggio di andata è anche detto viaggio di ritorno verso lo scaffale. Lo scaffale è peggio che casa propria. Ma molto meglio della bocca di un vulcano.


- I biscotti con gocce di cioccolato sono il giusto compenso per aver recensito un gioco. Più il gioco sarà insulso, inutile e pubblicizzato, maggiore sarà il numero di biscotti che il recensore dovrà ricevere. E' una Campagna di Sensibilizzazione per i Diritti del Recensore. 0 biscotti = recensore felice. Molti biscotti = recensore che ha bisogno d'aiuto.


- Il numero di pagine e il luogo di discussione sono i veri misuratori per capire l'impatto del videogioco nella Nazione dei Videogiochi. Troppe pagine significa che la gente parla troppo e gioca poco; poche pagine vuol dire che nessuno se lo è filato. In quanto strumento non ancora del tutto verificato, permette solo, tramite un uso corretto, di deridere sino al 99% delle categorie esistenti sulla faccia della blogosfera. Ho detto faccia? volevo dire C...